L’ipnosi del materialismo

Il paradigma del riduzionismo e del materialismo si è sposato a secoli e secoli di negazione di un aspetto fondante per generare una vita umana che non sia fatta solo di sopravvivenza, ma anche di senso, consapevolezza e significato.

Questo aspetto è quello del sacro e del rapporto dialogico con il mondo degli invisibili.

Tutto quello che era sacro nelle antiche civiltà è stato, nella nostra, ridotto a un fenomeno di scherno, roba da fattucchiere, da acrobati dell’immaginazione, a cavallo tra la sanità e la follia.

Peccato. Nel mondo che ci ha preceduti dove esisteva la saggezza e l’amore verso l’ecosistema che ci ospita, questi pazzi furibondi, queste streghe eretiche, questi visionari, erano la salvezza della comunità stessa poichè le attribuivano fondamento attraverso la comunicazione con il mondo al di là del velo: il mondo dello spirito.

Guardare il mondo con occhi nuovi è diventato fondamentale al momento.

La realtà non è fatta di “cose”, non è materiale, non è oggettiva, ma è costituita da informazione intelligente, luminosa, scintillante che interagisce costantemente con noi e la nostra mente. Questa realtà è lo spirito stesso, il gioco eterno, la maya, che ci richiama ad entrare in relazione con essa per trasformarla.

La realtà, come la bellezza, sono negli occhi di chi guarda.

Se vogliamo cambiare la realtà dobbiamo cambiare il nostro modo di vedere ed entrare, noi per primi, nella non oggettività delle cose, superando il concetto di Io come entità separata, superando il concetto di “Tu” e la falsa credenza dell’esistenza di una realtà materiale. La realtà forma un unicum con la mente. Quante più menti cambiano, tanto più velocemente la realtà cambierà.

Se più menti iniziano a superare il pregiudizio razzista, per fare un esempio, nel mondo non si manifesterà più la violenza razzista. Questa si chiama rivoluzione culturale.

Ma se parliamo di una rivoluzione più grande, di una riforma della coscienza stessa, di una riforma del nostro stesso modo di pensare. Se l’oggetto d’indagine scientifica non fosse più all’esterno, ma all’interno?

Se si cominciasse a porre l’attenzione sulla coscienza che indaga il mondo e non più sul mondo si scoprirebbero tante cose: in primo luogo che il mondo come oggi lo conosciamo è fondato su categorie che non esistono relamente, ma che sono nostri meccanismi interiori per catalogare la realtà: lo spazio /tempo stesso è solo relativo alla nostra coscienza, ma nello spazio profondo non esiste più, perchè è un prodotto di una coscienza collettiva che lo ritiene VERO. E’ la coscienza che crea ogni cosa che vediamo, ogni evento, ogni cosa che ci accade, ogni struttra sociale e gerarchica e, attraverso la coscienza, tutto questo può essere cambiato.

Questa è l’essenza del risveglio, deprogrammare la mente da categorie oramai desuete e iniziare a dire la VERITA’: non esiste alcuna realtà oggettiva, ma solo prodotti di menti che sognano insieme e attribuiscono valore ad una realtà piuttosto che a un’altra.

Ad un tratto si è deciso di credere al postulato dell’oggetività delle cose e sostituire al mito la filosofia, alla filosofia la scienza, alla scienza la tecnologia, alla tecnologia la terapia farmacologica. Nel nuovo mondo la Matrix sarà fondata su vaccini, medicine, cure chimiche per mali che possono essere curati solo cambiando mondo, cambiando mente, riappropriandosi della propria radice immortale.

In questo nuovo mondo il materialismo si giocherà disperatamente le sue ultime carte. Ma ci si renderà conto presto che non si potrà più curare il corpo fisico, perchè gradualmente il corpo fisico non esisterà più nella mente collettiva. Non esisterà più questo concetto: poichè corpo fisico in sè stesso non esiste, esiste solo come coscienza e dunque l’unica medicina possibile, nel futuro, sarà quella della somministrazione di informazioni di verità. La medicina della coscienza.

Uscire dal Covid Uscire da Matrix

Quando guariamo da una malattia è perché abbiamo preso consapevolezza del suo messaggio. Di fronte ad una pandemia, non possiamo far altro che interpretare un messaggio non più in senso individuale, ma collettivo. Nella visione degli immaginalisti ogni evento è portatore di un messaggio, di un simbolo, di uno spirito. Guardando a quello che sta accadendo nel mondo come se fosse un grande Sogno che tutti stiamo sognando, possiamo, proprio come si fa nei sogni, interpretarne i simboli. Questo grande Spirito, che è messo sulla scena dal virus, attacca i polmoni. Nella medicina tradizionale cinese i polmoni sono legati alle relazioni con gli altri, allo scambio con l’esterno, al tema della nostra capacità di difenderci dall’altro. E’ probabile che a livello collettivo ci sentiamo stanchi di vivere all’interno di contesti relazionali basati sulla paura e sulle maschere? Avremmo forse bisogno di abitare un mondo più libero, dove sentirci con gli altri come tra fratelli senza più bisogno di doverci difendere?

La legge del paradosso vuole che l’isolamento sociale in questi tempi sia ai suoi massimi livelli. Il teatro della Matrix si mostra nella sua più vera faccia: l’altro è un nemico da cui stare lontani, da cui proteggersi e in più viviamo costantemente “mascherati”. Ma questo accadeva già solo che ora la realtà inconscia è diventata conscia e l’incubo si è materializzato. Si dice che quando un paziente sogna e dà corpo alle sue paure più profonde attraverso il simbolo ci si sta avvicinando alla guarigione e mi piace pensare che questa guarigione stia avvenendo a livello collettivo: la grande massa che si risveglia.

Gli altri simboli che sono apparsi in questo grande sogno collettivo sono il pipistrello e, recentemente, il visone.

Il pipistrello, sempre nell’immaginario collettivo, richiama il tema del vampiro. Ci sentiamo, forse, a livello di inconscio collettivo, risucchiati, sfruttati, vampirizzati? Questo sentire ha raggiunto il suo culmine e ne stiamo prendendo coscienza sempre di più. Ci sentiamo spremuti e depauperati della nostra energia vitale e della nostra passione (sangue).

L’ultimo simbolo che qui vorrei prendere in analisi è quello del visone. Il visone sempre secondo l’immaginario collettivo, rappresenta la prigionia e la perdita dell’istinto selvatico. La pelliccia, così come i peli, sono simbolo sia di selvatichezza che di capacità di proteggersi dall’esterno. In questo ultimo simbolo ricorre sia il tema del polmone che quello del vampiro.

Si aggiunge nel visone un ultimo simbolo che incarna una grandissima stanchezza sentita dal femminile: estrarre una pelliccia selvatica per farne una pelliccia da esibire come forma di vanità. La natura viene sfregiata, mutilata, scarnificata per rispondere ad un ideale di femmina addomesticata, controllabile e schiava di un ideale di bellezza imposto.

Prestiamo attenzione a quello che sta avvenendo leggendolo in questa chiave, perché ci sta dicendo molto sulla direzione che la nuova umanità dovrà prendere per liberarsi da ciò che l’ha resa schiava (siano essi demoni esterni o interni).

La notte oscura dell’anima

Come comincia e quali solo i segnali per capire se quella che si sta attraversando è una notte oscura dell’anima?

Innanzitutto questo momento buio sembra non avere fine e non ci dà mai tregua. Sono rari i momenti in cui restiamo lucidi rispetto a ciò che ci accade, nella maggior parte del tempo siamo come animali terrorizzati che cercano di fuggire ad uno spietato cacciatore che li bracca. Come mai il terrore in questa fase è così sconvolgente? Semplice: le strutture dell’ego si stanno dissolvendo. Per l’ego, che è il nostro corpo e il nostro istinto primario più ancestrale, questo processo è quello che più di terrifico vi è al mondo perchè per lui è esattamente COME MORIRE.

Il problema sorge dal momento che ci siamo identificati per così tanto tempo con EGO che in questa fase subiamo una vera e propria Crisi di Identità. Ci vediamo gradualmente passare attraverso fasi sempre più radicali di trasformazione, proprio come accade ad una crisalide. La sofferenza è atroce e per di più il processo sembra essere infinito. La durata della notte oscura dell’anima varia molto da persona a persona, a partire dai 3 anni (che è il periodo di durata media) si può estendere fino ai 10. Chi passa più tempo “bloccato” in questo stadio atroce si è posto una missione d’anima molto alta. Forse deve aiutare molte persone e, per questo il suo processo di risveglio può durare più a lungo.

In questa fase i parenti e gli amici più stretti faranno fatica a riconoscervi: passerete attraverso momenti di distacco dalla realtà e fenomeni di dissociazione, nulla sembrerà più coinvolgervi e stimolarvi. Non avrete più interesse, per esempio, ad andare al cinema o a guardare la tv dopo il lavoro, se erano questi i vostri passatempi precedenti. Semplicemente passare il tempo in questo modo vi sembrerà totalmente folle ed assurdo. Cominciate ad avvertire una fame vorace di VITA e vi sembra che solo l’unione con il mondo selvaggio, con lo Spirito dei Boschi e la Natura, in generale, rispecchino il vostro stato interiore. La Civiltà vi appare un gigantesco allevamento di polli da cui volete al più presto liberarvi.

Sempre di più cresce un senso di rabbia e frustrazione verso le costrizioni più basiche della vita sociale come lavorare, fare la spesa, gestire le piccole cose di ogni giorno.

L’unica cosa che desiderate in questo processo è LIBERARVI DAL CORPO che vi condannerà alle pene più atroci: sensazioni di fuoco nella pelle, spilli nelle mani, spalle pesanti, stanchezza insostenibile, insonnia, ansia ingiustificata, sono solo alcuni dei sintomi di questa fase. Assolutamente terribile e spaventoso. Altra caratteristica tipica della N.O.D.A è che non avete alcun potere su di essa: proprio come la morte fisica arriva quando deve arrivare e se ne va quando se ne deve andare e voi siete totalmente impotenti e consci che non esiste sulla terra nessuno sciamano, guaritore, esorcista in grado di salvarvi dalla vostra dissoluzione. Ma la morte dell’ego un giorno arriverà e così sarete dei risvegliati, dei cosiddetti morti in vita, sopravvissuti alla paura più grande: l’incontro con voi stessi.

Durante questa fase ci si rende conto di paure e complessi sia individuali che collettivi che sono davvero sgradevoli da guardare in faccia. Ma Anima vuole fare  a tutti i costi questo lavoro. Soprattutto in questa fase epocale in cui il mondo si trova diviso tra una narrazione di paura, basata su competizione e scarsità e una narrazione di luce, dove si entra dopo esserci ripuliti da tutte le densità.

Generalmente questa fase di profonda pulizia sui piani più alti, si riflette in questa realtà fisica attraverso cambiamenti improvvisi come:

-Inaspettate e fulminee rotture di relazioni di coppia consolidate nel tempo

-Licenziamenti scelti o subiti

-Trasferimenti in altre città, regioni, paesi e persino continenti

-Radicale trasformazione degli stili di vita

-Trasformazioni fisiche: si adotta un tipo di immagine esterna che meglio si sposa con la nuova identità

-Incontro con la propria Fiamma Gemella a cui possono seguire rotture e separazione che accelerano enormemente il percorso di risveglio

-Lutti, incidenti, stati di coma e fenomeni di NDE (Near Death Experience)

-Periodi in cui semplicemente va tutto storto perchè la vecchia vita ci sta spingendo “fuori” dalla matrice sociale.

Se pensi di essere in un processo di N.O.D.A.  vuol dire che sei ad un livello avanzato di gestione delle energie e quindi puoi ASSOLUTAMENTE E SENZA ALCUN DUBBIO superare questa prova: a questa chiamata bisogna rispondere Sì, quindi se pensi di avere qualche dote, talento nascosto  REALE non dettato dall’EGO (tipo se mi hanno sempre detto che ho una bella voce e dovrei fare la cantante, occhio allo zampino di EGO, magari la tua ANIMA vuole tutt’altro come diventare erborista o pittrice). Sì, la N.O.D.A. è strettamente correlata al compito che siamo chiamati a svolgere su questa terra o missione d’Anima, rispondere alla chiamata accelera la liberazione dal dolore. Ma tutto questo richiede TEMPO, PAZIENZA E FEDE. Scoprirete alla fine del percorso che esiste un solo modo di vivere che è quello da risvegliati, tutti gli altri cammini sono un’altro giro sulla giostra del criceto e vi riporteranno ancora qui a rivivere gli stessi schemi.Meditate quindi su quanto sia saggio cercare un cammino di illusione o un cammino di verità. Pillola blu o pillola rossa?

Per ricevere un aiuto o sostegno, per dissipare qualsiasi dubbio sulla sfida spirituale che sei chiamato a vivere in questo momento, ricordati che puoi metterti in contatto con me per avere un supporto profondo, in grado realmente di nutrire i bisogni più veri e autentici di ANIMA.

Con Amore e Gratitudine,

Adi Rahimo

Creare a partire dall’ego VS Creare a partire dal Sè. Quale differenza.

Questo tema è stato a lungo per me fonte di molta sofferenza.

Sono venuta qui equipaggiata con una forte allergia all’ego in azione, ma anche con un grande desiderio di creare ed essere parte del cambiamento a beneficio del nuovo mondo e della nuova umanità.

Ho percepito in passato il mio ego agire attraverso di me, così come l’ho visto e percepito negli altri, anche all’interno di comunità spirituali.

Dopo tutti questi anni di ricerca e osservazione sull’ego, ho concluso che difficilmente esso potrà morire del tutto. Rimarranno sempre degli angolo bui in noi che se stimolati, genereranno una reazione. Ripulire e purificare queste ferite è per me il lavoro essenziale della vita che può essere svolto quotidianamente ringraziando le molteplici opportunità che arrivano in forma di triggers .

Ma, nel frattempo, esiste un modo per agire al di fuori dall’ego, evitando così di inquinare il mondo e gli esseri intorno a noi con energia di bassa frequenza, continuando a perpetrare il circolo della sofferenza per noi e per gli altri, poichè ego e sofferenza sono la medesima cosa?

Una delle cose che ho osservato con più piacere e meraviglia nel tentativo di unione del mio proposito interiore con l’azione esterna è stato che, lavorando, agendo e creando a partire da una “coscienza osservante” diventiamo dei semplici canali.

Diventiamo dei trasmettitori e dei trasformatori di energia. A questo livello non agiamo più da soli, ma cominciamo a co creare in relazione con l’invisibile, sviluppando con esso un legame di comunione e di amore.

Mi sono care le parole del poeta Rumi:

Dio mi stima quando lavoro,

Mi ama quando canto.

Questo di Rumi è lo stesso concetto descritto sopra, espresso da chi sta dall’altra parte del velo. Agli invisibili piace che noi siamo efficienti ed efficaci nelle nostre vite, ma l’estasi vera viene raggiunta quando ci apriamo alla dimensione superiore in ogni cosa che facciamo.

canale     In questo modo l’eterno può calarsi nella dimensione terrena e giocare con noi. Lo fa in molti modi. Forse, molti di voi vivono da tempo circondati dai cosiddetti “eventi sincornici” che aumentano di intensità e complessità mano a mano che la coscienza si espande e curiamo di più l’attenzione vigile verso la nostra interiorità.

Questi eventi sono come una “carezza dell’Eterno”, sono un abbraccio di compassione. Il modo che ha l’invisibile per dirci “questo è il mio regalo per te. Ricordati che ti amo. Ricordati che non sei solo/a. Sei sulla buona strada”.

Sappiamo quanto sia difficile, sappiamo quanto siamo provati dal vivere in un mondo che ha reciso il legame con il Sacro. Sappiamo quanto ci sentiamo spesso isolati e tagliati fuori da un senso di appartenenza che i nostri antenati avevano con il mondo della comunità e con quello degli spiriti (che erano, i due mondi, una cosa sola). L’invisibile lo sa. Tutto è stato fatto appositamente per rendere il risveglio più rapido e l’uscita dal teatro di terza dimensione alla portata delle moltitudini. Così i miracoli arrivano non più a pochi privilegiati, ma a miriadi di persone che oggi possono toccare con mano la potenza e la luce dell’Amore che è parte di una coscienza collettiva risvegliata.

danza

Un’altra differenza che ho potuto percepire nel passaggio dal fare attraverso l’ego, al fare attraverso l’anima, è che in quest’ultimo caso viviamo in compagnia del solo ignoto. Non ci sono obiettivi definiti a priori da raggiungere ma l’esperienza dell’agire e della vita stessa co genera ambienti, eventi, situazioni, che arrivano già pronti, già fatti, già creati, ma su cui non abbiamo alcun controllo e potere predittivo. E’ fiducia e resa all’ingoto.

Le azioni vere sono quelle significative, sono miracoli che si accendono in co creazione con l’invisibile, che sono pronti per noi e che noi attiriamo con la massima facilità e in totale assenza di sforzo. Le azioni così compiute recidono il legame con il karma. Creare in comunione con l’invisibile è la massima aspirazione del ricercatore spirituale poichè significa mantenere acceso il fuoco, ravvivare la relazione d’amore che fa da ponte tra l’aldiquà e l’aldilà, attraverso il sacrificio, il sacrum facere.

Il disegno che l’anima ha progettato per noi prima della nostra nascita è qualcosa che la nostra mente, limitata dai suoi condizionamenti, non può nemmeno lontanamente immaginare. E’ qualcosa che va molto oltre ciò che possiamo desiderare a livello cosciente, ciò che pensiamo sia per noi la felicità. Nemmeno i nostri sogni più rosei possono eguagliare il disegno  sotteso al nostro vero cammino, quello che ogni giorno si svolge nel sottofondo di tutte le azioni quotidiane, e che è la pura, totale comunione con lo Spirito, la meraviglia incredula di fronte alla visione strabiliante della luce dell’Anima.

luce