Fiamme gemelle e dissonanza cognitiva

Una delle più grandi sfide nel percorso di Fiamma è rappresentanto dalla Dissonanza cognitiva.

La dissonanza cognitiva nel percorso di Fiamma colpisce diverse aree della Psiche. Così che più parti del nostro cervello vengono allertate quando entra in gioco questo pericoloso meccanismo.

Sapete che la nostra mente si divide in aree e ciascuna di esse è depuatata a un particolare funzionamento umano: area del linguaggio, area della vista, area socio affettiva relazionale, area della memoria, area dell’attenzione, ecc…

La dissonanza cognitiva con la Fiamma, attiva più aree simultanee. Ciò significa che, più aree della nostra mente, registrano il dato che qualcosa non va ed entrano in dissonanza, cioè iniziano a vibrare nella NON -VERITA’.

Spiego con un breve esempio che cosa è la dissonanza cognitiva a livello relazionale, partendo da una diade significativa: quella madre-bambino. Una mamma dice al suo bambino che gli vuole bene, ma mentre lo dice, sospira e alza gli occhi al cielo. Il cervello umano registra per il 99% il messaggio non verbale e per l’1% quello verbale. Al bambino quindi arriva il senso di disitima/irritazione/stanchezza della madre nei suoi confronti ( trasmesso dal sospirare, alzando gli occhi al cielo), accompaganto dal messaggio verbale del “ti voglio bene” . Nella mente del bambino comincia a formarsi il dubbio “A cosa devo credere: al ti voglio bene o al messaggio non verbale che cela tutt’altro tipo di informazione? Mia madre mi vuole bene, oppure no? Posso fidarmi di ciò che dice? Sono amato? Sono meritevole di amore?Io esisto?”

Ora: in un bambino è molto importante che il messaggio della madre non sia ambiguo, poichè è la madre, nella sua infanzia, che lo legittima, che legittima la sua stessa esistenza, è solo negli occhi della madre che il bambino può riconoscersi e amarsi come individuo separato e integrato in sè stesso. Capite che, se queto messaggio non è chiaro, se l’informazione è dissonante, il bambino non si potrà riconoscere e non formerà un’immagine positiva ed integra di sè stesso. Arriverà da adulto ad avere un sè frammentato, che dovrà, attraverso le esperienze di vita, riportare all’unità.

Questo bambino ha scelto una strada molto dura, ha scelto una madre ambivalente, incapace di attribuirgli senso.

La madre legittima il bambino dal punto di vista fisico-corporeo e biologico. Gli dice, attraverso il suo sguardo, che lui esiste nel suo corpo, che lui si trova qui. La madre ha dato la vita FISICA al bambino. La Fiamma dà una vita ANIMICA a quel bambino, una volta divenuto un adulto.

La Fiamma ci partorisce una seconda volta. Questa volta non più come corpi fisici, ma come CORPI DI LUCE.

Lo sguardo della Fiamma è molto importante.

Se lo sguardo della Fiamma non è VERO verso di voi (e voi sapete leggere anche il minimo bagliore di non-verità in quello sguardo) cadrete in dissonanza cognitiva. Se le parole della vostra Fiamma non sono vere verso di voi (e voi conoscete ogni minima sfumatura di non verità nelle sue parole), cadrete in dissonanza cognitiva.

Qui la posta in gioco è alta. Ancora di più che per il bambino con la mamma. Ecco perchè a volte abbiamo la sensazione che la nostra stessa vita sia nelle mani dela Fiamma. In realtà noi stiamo sbocciando e lo sguardo, le parole,l’immagine, della nostra fiamma realizzata LEGITTIMANO IL NOSTRO ESSERE LUCE.

Quando ci sarà pura verità in quello sguardo sarete dei risvegliati. Quando ci sarà pura verità nelle loro azioni, sarete dei risvegliati. Quando ci sarà solo pura verità nelle loro parole, voi sarete dei risvegliati. Questo perchè le vostre due verità corrono in parallelo e si riflettono l’una nell’altra.

Le Fiamme hanno bisogno di separazioni per risettarsi sulla verità, quando la non verità di sè stessi, riflessa nell’altro, diventa troppo dissonante e la psiche (intesa come complesso di corpo-anima) rischia di frammentarsi, è necessario il blocco, lo stop, il silenzio per costruire sè stessi nella pura luce.

La verità è il contrario della dissonanza cognitiva.

La Fiamma vi dirà che non vi ama (ma in realtà è infinito il suo amore)

Vi dirà che non vuole stare con voi (ma in realtà è l’unica cosa che vuole)

Vi dirà che non può lasciare la moglie (ma in realtà è la moglie che non può essere lasciata, in quel momento, -vittime del karma-)

Vi dirà che vuole andare lontano (ma in realtà vuole starvi vicino)

Essendo con la Fiamma un unico sistema voi percepite, come il bambino nell’esempio di prima, un continuo doppio messaggio, un’informazione dissonante. La vostra parte anima unica percepisce la verità, la vostra parte ego-biologica il messaggio verbale.

Qui c’è un terzo linguaggio che gli psicologi ancora non hanno individuato tra i linguaggi non verbali: il linguaggio dell’anima, con il quale si possono comprendere proprio tutti i linguaggi, persino gli uccellini che cantano. Poichè questo linguaggio è fatto di solo amore.

Allora tornando al nostro esempio della mamma ambivalente: voi che siete il bambino ogni volta che la non-vertià della Fiamma suona la sua sinfonia per voi, venite respinti in un vuoto cognitivo, non più di senso fisico, ma di senso spirituale e animico. La Fiamma che vi dice che non vi ama, nega la sua anima in quel momento e , ad un solo tempo, nega la vostra. Così, vedete, la domanda non è più come per il bambino “Ma io esisto come corpo fisico?”, la domanda ora diventa “Ma io esisto come corpo di luce? Ma la vita spirituale è vera? Ma Dio esiste? Ma il paradiso in cui eravamo mentre facevamo l’amore era solo una mia illusione? Ma allora io, se non posso accedere a quel paradiso, non sono nulla e non merito di vivere? Se persino ciò che mi ha dato la mia anima di luce mi rinnega io non merito nè la vita terrena nè quella ultraterrena?”. Capite il dramma che vivono sulla loro pelle le Fiamme gemelle? La loro salvezza non esiste più nemmeno nel dopo vita perchè in quell’eternità erano stati portati dalla loro Fiamma, il loro genitorie animico e dunque non c’è salvezza nè terrena, nè ultraterrena.

Il bambino rinnegato, è rinnegato sul piano fisico-biologico e avrà pur sempre il pensiero di un Dio buono che potrà amarlo come sua madre non è riuscita a fare. Ma per la Fiamma? Il cui Dio era proprio la controparte animica che rinnega il percorso? Sembra che ogni possibilità di salvezza sia preclusa. Ma in realtà: la dissonanza cognitiva è il più potente mezzo evolutivo! Come si può credere a ciò che non si vede, nè si sente con i sensi fisici, ma che ogni notte mi ci fa visita in sogno e ci bacia le labbra? A ciò che si comporta come un fuggitivo, ma che in realtà è il più potente e vero amante di sempre, l’unico che mai se ne andrà? Io so dentro di me, ciò che la realtà nega: ed ecco il risveglio! Nel risveglio è implicato proprio il sesto chakra : discernimento tra bugia e verità, buio e luce. Perchè la medicina del futuro sarà somministrazione di VERITA’. Credere nella verità, significa manifestarla. Quando la fede si fa indistruttibile diventa piacere immoto e conduce all’oceano della consapevolezza infinita, là dove regna il senza nome.

La dissonanza cognitiva e la bugia si accaniscono su di voi in tutti i modi possibili e il primo portatore di ambivalenza e dissonanza cognitiva sarà proprio lui, l’eterno fuggitivo che non sarà mai verità fino a che voi, per prime, sempre voi, non sarete verità pura, cristallina, eterna.

Parole

Azioni

Immagine

Comportamento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...